La User Experience (UX) Strategy si colloca tra lo UX Design e la Business Strategy.

È una disciplina che, se eseguita in modo empirico, offre una possibilità molto più solida di realizzare un prodotto digitale di successo rispetto alla progettazione di wireframe e alla scrittura di codice.

La UX Strategy è un processo da avviare prima, prima che inizi la progettazione o lo sviluppo di un prodotto digitale. È la soluzione che deve essere convalidata con i potenziali clienti reali per dimostrare che è desiderata sul mercato.
Sebbene lo UX Design comprenda numerosi altri campi come il visual design e la semplicità con cui un utente compie un’azione, la UX Strategy rientra in una visione più grande. È un piano che ha lo scopo di farci raggiungere degli obiettivi aziendali in condizioni di incertezza.

Lo scopo di qualsiasi strategia è quello di creare un piano che, parta dalla posizione in cui ci troviamo e che ci conduca nella posizione alla quale vogliamo arrivare. La strategia dovrebbe giocare sui nostri punti di forza e essere consapevole delle nostre debolezze. Dovrebbe basarsi su tattiche empiriche e leggere che spostano rapidamente noi e la il nostro team verso la destinazione desiderata.

La UX Strategy si basa su diversi principi della Lean UX come ad esempio il MVP (Minimum Viable Product).

Una solida strategia è la differenza tra successo e fallimento. Nel mondo dei prodotti digitali, un ritardo può portare a confusione, costi maggiori e esperienze negative per gli utenti, questo peggiora quando non c’è una visione condivisa dei prodotti tra i membri del team.

La UX Strategy è un modo di pensare, non un mezzo per formulare ed eseguire un piano perfetto. Si tratta piuttosto di essere in grado di ricercare ciò che è là fuori, analizzare le opportunità, eseguire esperimenti strutturati, fallire, apprendere e iterare fino a quando non riusciamo a pensare a un prodotto o servizio di valore che le persone vogliono veramente.

Durante l’elaborazione di una UX Strategy, è importante accettare dei rischi e saper accettare un fallimento. Imparare a fallire in modo intelligente facendo esperimenti di piccole dimensioni per convalidare la nostra strategia e vedere se il nostro servizio può funzionare all’esterno può segnare la differenza tra un progetto di successo e un fallimento.

Se ti piace la User Experience e vuoi saperne di più fai un giro su UX Blog, il primo blog italiano sulla user experience.

Add comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *