Ti sei mai chiesto perchè il tuo portfolio non funziona? Ecco la risposta ai tuoi dubbi.

Siamo in un periodo in cui è motlo facile apprendere l'utilizzo degli strimenti creativi e dei software ed è altrettanto facile far finta di essere chi non siamo.

Quello che è complesso invece, è comprendere cosa rende le immagini "belle". 

Quale è la formula magica per creare progetti che le persone vogliono guardare e condividere.

Perchè alcuni portfolio colpiscono gli Art Buyer e altri no?

Certe cose non possono essere simulate e capire quali sono alcuni di questi fattori è davvero essenziale.

Non hai un portfolio solido

Come abbiamo detto più di una volta nei webinar di Overdose, ed in particolare in quelli dell'illustratore Mirco Camia, il portfolio solido è la chiave per essere presi in considerazione.

Un portfolio solido è quel tipo di portfolio che, grazie alla scelta dei progetti presentati, alle miniature (nel caso di Behance) di ogni progetto e alla qualità dei lavori realizzati, crea un impatto "solido" e incisivo, in chi lo guarda.

Pensa all'effetto che fa un uomo ad un evento formale, con un completo realizzato su misura e un uomo che va allo stesso evento, con addosso il pantalone che ha usato al battesimo di sua figlia 10 anni fa e la giacca del suo amico, perchè la sua era sporca… 

L'effetto è lo stesso. 

Un portfolio solido è una presentazione in grado di trasmettere "solidità". Fa capire a chi lo guarda, che sapete cosa fate e che siete sicuri delle vostre skills.

Mancanza di specializzazione

Lo sbaglio che vedo più spesso nei portfolio che revisiono è una totale indecisione in quello che si trasmette.

Mi spiego meglio.

La tendenza a inserire nel proprio portfolio i lavori di graphic design, motion graphics, fotoritocco e chi più ne ha più ne metta è, a mio avviso, assolutamente sbagliata.

Se da un lato mi fai capire che sai fare un pò di tutto…

Dall'altro mi fai capire che non sei specializzato in nulla e quindi…

Non eccelli in niente.

Niente di tutto quello che mi mostri è eccellente.

Magari è tutto piacevole e ben fatto ma non generi l'effetto wow.

Entri nella mediocrità della maggioranza. Quello che cerca un'agenzia è un qualcosa di innovativo, un qualcosa di diverso dal solito. 

Un portfolio in cui a prima occhiata non capisco chi sei, quale è il tuo stile e cosa puoi fare per me, è un portfolio che non verrà preso in considerazione.

Devi farmi capire chi sei e in cosa sei specializzato.

Se devo chiamare un DJ ad una serata di musica Dubstep, non mi rivolgo a chi suona la Salsa.

Mi rivolgo ad un DJ specializzato nella musica elettronica e magri solo nella musica Dubstep.

…e ricorda…

La specializzazione, paga di più!

Puro esercizio di stile

Se vuoi usare il tuo portfolio per trovare nuovi lavori, devi creare progetti personali che raccontino qualcosa.

Ci sono tantissimi progetti meravigliosi in giro per il web ma molti di questi sono dei puri esercizi di stile.

Per carità, tanto stile!

Ma pochissima sostanza.

Che vuol dire?

Vuol dire che quelle immagini non raccontano una storia.

Non trasmettono emozioni.

Le immagini vincenti, quelle che ti fanno prendere un lavoro, sono quelle in grado di suscitare emozioni.

Le emozioni non lasciano indifferenti.

Se un Art Buyer o chi per lui, sta cercando un nuovo talento e si trova davanti un'immagine che colpisce le sue emozioni, beh, sei alla metà della strada per arrivare al traguardo.

Se ci pensi, questi tre concetti, sono molto semplici e sembrano veloci da implementare.

Purtroppo se fosse cosi, non leggeresti questi articolo…

Comprendere per davvero e fare tuoi questi concetti, richiede tempo e maturità.

Quello che devi fare subito…

Vai sul tuo portfolio (ad esempio su Behance) e chiediti le seguenti domande:

Farei click sulle miniature dei miei progetti?

Sei indeciso? Fai uno screenshot della home page di Behance, li dove ci sono i progetti degli altri creativi e inserisci dentro a caso, la tua miniatura.

Funziona? Attira la tua attenzione? Ci faresti click?

Se la risposta non è "si", allora devi rifare le miniature dei tuoi progetti.

Si capisce in cosa sono specializzato?

Quando entri nella tua pagina Behance, si capisce di cosa ti occupi nello specifico?

Se non è cosi, devi ripensare a quello che vuoi essere cosa stai comunicando.

Racconti qualcosa?

I tuoi progetti sono interessanti? Lo condivideresti da qualche parte per emozionare qualcuno o lo faresti solo per un tuo ego personale di far sapere agli altri cosa hai realizzato?

Qui devi essere molto critico con te stesso…

Se senti che i tuoi progetti non raccontano nulla e non trasmettono emozioni, beh, ripensa al tuo modo di realizzare le immagini, devi lavorare di più sullo storytelling.

Se hai altre domande e vuoi sapere come miglorare il tuo portfolio, iscriviti a questa mailing list nella quale ti manderò ogni tanto, trucchi e consigli su come far decollare al meglio la tua professione.